L’ovatta Napoleone

Ha nevicato per 2 giorni tutto è imbiancato e le strade sono alquanto non percorribili qui e là, ma oggi il sole splende alto e alle 09.30 ci ritroviamo in piazzale ad Aurisina. Siamo ben 6: io, Giusto, Edox, Pippo, Bonni e Zdenka. La meta è la Grotta Napoleone vicino alla cava nei pressi del Castelliere di Slivia: mio padre ne ha parlato per caso e siamo curiosi … Magari a sentimento troviamo qualcosa! Prendiamo un coffe e ci raggruppiamo in 2 auto soltanto (il “panfilo” di Edox e il Land di Pippo) poi con molta calma raggiungiamo l’imbocco della carrareccia.

img_7050

Cambio d’abito ed andiamo. Giusto all’armo, noialtri dietro e si comincia subito a ridere filosofeggiando sulla bandana di Edox ricevuta in prestito da Zdenka, sempre che si tratti di una bandana, di certo gode di poteri taumaturgici sovrannaturali e va ricaricata indossandola …  Un barbagianni esce dal pozzo e si ferma su un ramo a fissarci, purtroppo non riusciamo a fotografarlo. Tra un fix e l’altro in breve siamo alla base del primo pozzo a cielo aperto, ci circondano un mare di felci e qualche lamiera arrugginita. Giusto tribola un pò per trovare la finestra dove prosegue la cavità poi ci si infila seguito da Pippo e Bonni. Edox ed io iniziamo a ravanare alla base del cono detritico asserendo di “percepire corrente d’aria”: almeno stiamo tiepidi mentre gli altri proseguono, ma i risultati saranno assolutamente nulli. Faccio presente a Pippo che nei pozzetti successivi ci potrebbe essere una strettoia come specificato nella relazione del Catasto. Pippo minimizza e ci tranquillizza quando ecco che puntualmente Giusto si blocca: non ci passa e tutti i tentativi risultano vani. Si decide di battere in ritirata tutti assieme: siamo stati sbefeggiati a – 30 scarsi, non rimane che chiudere in modo guascone. La giornata è andata in “fumo”, tanto vale estrarre la stecca di torrone alle mandorle che mi porto appresso che appaga tutti tranne Zdenka che già è risalita seguita da Bonni.

img_7090

Scatta il tormentone: il torrone l’hanno inventato i francesi! E quante altre cose sono francesi?!? La Pantera Rosa, l’Ispettore Cluseau, il brie, lo champagne e poi non siamo oggi alla grotta Napoleone? Ouì monsieurs!!! Sbaccaniamo sul nulla. Poi seriamente guardo gli altri e faccio: certo che è un flash vedere tutto il Carso pieno di ovatta come oggi …. non è neve è ovatta, sennò perchè si direbbe “è tutto ovattato”?!?! Un attimo di silenzio poi gli altri esplodono ridendo. Risaliamo e provochiamo volutamente avalanches di ovatta sui sottostanti. Qualche buontempone indicando una rientranza in parete con tono francese apostrofa gli altri “il frà-turon secondo voi continua o no?!”: ne ricaverà numerosissime palle di neve.
Fuori sole e clima godibilissimo: Giusto estrae gelosamente un dolcetto di cioccolato bio dalla forma “anatomica”. Rimaniamo increduli, è il degno completamento di una giornata alquanto balzana: chokolade titt con petali di rosa recita l’etichetta. Questa ci mancava! Ridiamo ancora e assaporiamo di gusto il gateau. Alle macchine Pippo trova il finestrino del Land aperto, ma niente paura è solamente  l’ennesimo scherzo in una giornata ovattata  …. C’est la oaute! (come canta Caroline Loeb).

One thought on “L’ovatta Napoleone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.