Colong Caves – Australia, Day3

Day3-12/6

La mattina alle 8 siam pronti per partire. Mangiato bene, messo qualche barretta e cioccolata in una scatolina e la scatolina in un sacchetto speleo fatto malissimo –lo stesso proprietario dice che fa schifo ma quello è- e via in grotta. Si va a cercare un congiungimento tra due grandi zone che sarebbe molto utile per il rilievo. Due gruppi, c’è un contatto sonoro ma non si riesce a passare e congiungere i pezzi. Andiamo a prendere il secondo gruppo e torniamo dov’eravamo prima che si proseguono gli scavi nel punto in cui ci si sentiva. L’inglese si becca una pietra su un braccio –succede scavando una frana da sotto in su, un mega-jenga con pietre da un quintale- ed esce accompagnato dagli altri due mentre io e Alan ci infiliamo in un pertugio infame e rileviamo dei pezzettini. Dopo poco mi stufo e gli dico che torno indietro. Non so, non mi sento molto animale da esplorazione… sempre più stretto, sempre più scomodo e non sai dove va… l’ultimo pezzo ho difficoltà a farlo in retro per poi riuscire a girarmi e uscire di la. Non che la felpa, jeans e la mia luce, la mia scrittura con matita rotta e guanti mi aiutassero molto. Vabbuò, tutto liquidato con un “not keen enough, sorry” e un tipico “no worries”. Lui rileva ancora qualche metro e poi usciamo anche noi sperando che Rob stia bene. Si, stanno tutti bene, ma Rob ha un bell’ematoma e ha difficoltà a muovere le dita. Bel colpo si è preso! Di nuovo fortunati con il meteo, solo qualche sporadica goccietta, mangio con gusto e come la sera prima mi infilo veloce in tenda.

Det & Fra

3 thoughts on “Colong Caves – Australia, Day3

  1. Maaaaahhhh … COLONG o COLON Cave?!?! Questo è il dilemma … AHAHAHAH!!!

    Grandi! Esploring team in terra d’Australia …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.